lunedì 22 aprile 2013

Pesto di papavero | 100% vegetal monday | Premi

@http://lacasadi-artu.blogspot.it/

Tornando la bella stagione non posso far mancare nel mio adorato blog le ricette con le erbe spontanee, già lo scorso il raccolto era stato buono e la fantasia mi ha aiutato, oltre ad alcune conoscenze tramandate ed arrivate direttamente dal passato della mia famiglia.

Nella pagina Le erbe spontanee vi potrete stupire e soprattutto capire quanto le erbe possano far parte della nostra cucina.

MI RACCOMANDO SEMPRE DI RACCOGLIERE SOLO ERBE CHE CONOSCETE BENE E DI PRENDERE SOLO QUELLE LONTANE DA STRADE O CENTRI ABITATI. SIATE EDUCATI E RISPETTATE L'AMBIENTE, NON LASCIATE IN GIRO NULLA DURANTE LE VOSTRE PASSEGGIATE.

Un consiglio che vi do è di andare per erbe, o per funghi, o bacche con un bel cesto di vimini oppure una borsa di stoffa. Io preparo anche dei sacchetti di carta in modo da riporle divise per qualità e per lavorare con più facilità al ritorno.


Oggi userò il papavero.
Viene considerata una vera e propria malerba infestante, grazie al potere dei suoi piccoli semini che spesso la porta ad invadere grandi spazi. Purtroppo si vedono sempre meno nelle campagne a causa dei forti erbicidi che vengono sparsi nei campi di cereali.
Al momento, qui nella contea, ne ho trovato davvero pochissime piante, nonostante abbia battuto in lungo e in largo le mie "zone di raccolta". Forse le numerose piogge hanno rallentato la crescita?

Del papavero di può usare tutto: le foglie giovani in insalata, le rosette basali più grandi come se fossero spinaci, i petali come decorazione, i semi (conosciutissimi) in pasticceria e panetteria.

FATE SOLO ATTENZIONE AL LATTICE CHE FUORIESCE DAI FRUTTI, QUELLO IN GRANDI QUANTITA' E' TOSSICO.

Passo subito alla ricetta

Ingredienti (non ho messo volutamente le quantità)

due o tre manciate abbondanti di foglie
aglio granuli tec al
olio di oliva
panna di soia
pinoli

fusilloro verrigni

Procedimento

  • Pulire e tenere a bagno in abbondante acqua e bicarbonato le foglie del papavero. Sciacquarle.
Foglie di papavero

  • In una padella versare un filo di olio e mezzo cucchiaino di aglio in granuli, far soffriggere leggermente
  • Aggiungere le foglie, mettere il coperchio e lasciare stufare leggermente. Se necessario aggiungere qualche cucchiaio di acqua, per continuare l'appassimento del papavero.
  • Lasciare raffreddare. In un mixer tritare le foglie, i pinoli (a piacere anche mandorle o noci) e olio. In ultimo aggiungere un paio di cucchiai di panna per rendere il tutto più cremoso.
  • Cuocere in acqua salata il fusilloro verrigni, pasta trafilata in oro, dalla caratteristica consistenza e delicatezza
  • Condire la pasta con pesto di papavero e decorare con qualche pinolo. Io ho servito tiepida in versione finger food

Con questa ricetta salata partecipo al vegetal monday di "La cucina della capra"



Ringrazio Italians do eat better ed In cucina da Eva per avermi assegnato il premio"Super sweet blogging award"

Per questioni di tempo seguirò in parte le regole, non lo girerò ad altre blogger ma lo lascerò a disposizione di tutti. Con piacere risponderò alle domande che mi sono state assegnate

  1. Biscotti o torta? perchè scegliere se si possono avere entrambi....
  2. Cioccolato o vaniglia? vaniglia assolutamente senza dubbi, sono allergica alle nocciole e con il cioccolato devo sempre fare molta attenzione
  3. Qual è il tuo spuntino dolce preferito? il muffin (fatto da me)
  4. Quando hai maggior voglia di cose dolci? quando sono sotto stress
  5. Se tu avessi un soprannome dolce quale sarebbe? artù? non è abbastanza dolce? (me lo ha affibbiato il mio maritino....)

42 commenti:

  1. che idea simpatica da provare ! buona settimana !

    RispondiElimina
  2. Te sei un genio!!! Ora guarderò tutti i papaveri che mi capitano sott’occhio con aria “minacciosa” :)))) Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  3. Buon lunedi cara, qui imparo sempre nozioni nuove, con il papavero oltre ai semi non ho mai mangiato nulla. Il tuo pesto mi incuriosisce parecchio:)
    un bacio grande

    RispondiElimina
  4. bellissimo il pesto di papavero!!! che spettacolo Artù tesoro! e bellissima anche l'indicazione del sito con le erbe spontanee!
    mi piace molto anche la nuova impaginazione del blog, molto più elegante!!!
    buona giornata!!!
    Sandra

    RispondiElimina
  5. Dai ! Ma davvero ??? Non avevo la più pallida idea che fosse commestibile !
    Che bellissima idea ! Bacino amica bella ! Buona giornata :***

    RispondiElimina
  6. Mi piace questa tua rubrica. Riesci a creare dei piatti veramente sfiziosi e molto buoni. Complimenti anche per il premio. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Anch'io adoro andare a raccogliere erbette, e il papavero (da noi "rosoe" o rosole) è fra i miei preferiti per il gusto dolce. Proverò sicuramente il tuo pesto, io ho la fortuna di avere molte erbe spontanee nell'orto di casa...

    RispondiElimina
  8. Una ricetta da salvare carissima!! Ma sai che io non sono molto brava a distinguere le erbe, ma i tuoi piatti con le erbe spontanee sono semplicemente fantastici.. Ho molto da imparare :-) Complimenti per questo primo molto invitante che mi piacerebbe davvero fare, un abbraccio e buon lunedì :-)

    RispondiElimina
  9. Sei fantastica, non sapevo nemmeno che con le foglie di papavero si potesse fare il pesto! E poi mi piace moltissimo il modo in cui hai presentato la pasta! Bravissima!
    Buon lunedì.

    RispondiElimina
  10. Che bella idea questo pesto :)
    Quando ho letto papavero pensavo i semini e già mi chiedevo cosa fosse uscito fuori, invece hai preparato un super condimento!!!
    Bravissima per i consigli che hai fornito!!!
    E bellissimo quel piatto di fusilli :D

    RispondiElimina
  11. lo conosco e nella stagione Primaverile lo uso spesso. Fantastica la tua ricetta. Buon inizio di settimana Daniela.

    RispondiElimina
  12. Io son completamente negata.. meglio non avvicinarmi ad erbe spontanee.. non ne riconosco una dall'altra!!!! Buono però sto pesto.. chissà che sapore ha! Poi papavero.. credevo fosse del tutto tossico.. vedi? che ignoranza! ahahaah smack e buon lunedì :-)

    RispondiElimina
  13. Particolare, non riesco davvero ad immaginarmi il sapore :)

    RispondiElimina
  14. Non è che posso averne un bel piatto? :)
    Bacini!

    RispondiElimina
  15. Golosissima questa ricetta! E grazie per avermi fatto conoscere l'iniziativa 100% vegetal monday, ho deciso con entusiasmo di partecipare anche io!

    RispondiElimina
  16. Stavolta posso soltanto ammirare... non so riconoscere le erbe e farei soltanto.. danni... a copiarti la ricetta!

    RispondiElimina
  17. Ecco il frutto della tua passeggiata... meraviglioso, bravissima!!!
    Sei sempre imbattibile con le erbette e gli aromi ;-)))
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  18. Thankyouuuuu Artù!
    Stavo aspettando proprio questa ricetta !!
    Attenzione delle ZECCHE!! Qui ci sono tante, causa alla erbe lunghe dopo la pioggia.

    RispondiElimina
  19. ma dai! che novità per me! non sapevo che del papavero si potessero mangiare anche le foglie :) purtroppo, come dici tu, non se ne vedono più tanti in giro...dovrò farmi una passeggiata nel parco dietro casa mia :)
    Maria

    RispondiElimina
  20. Piatto particolarissimo che mi piacerebbe molto provare!!! Peccato solo che per le strade di Milano non si trovino queste belle piantine!!! un salutone da Chiara

    RispondiElimina
  21. Sono sempre super affascinata da queste erbe spontanee..ma non conoscendole bene ho sempre paura a raccoglierle...
    Mai assaggiato un pesto originale come il tuo...chissà che bontà :-D
    Bravissima i tuoi sudditi gradiranno di sicuro ^.^
    Buona giornata <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
  22. Eccole le tue meravigliose ricette mia piccola folletto....Mi lasci sempre a bocca aperta ad ammirare la tua bravura e la tua creatività e certamente anche la tua conoscenza
    Sei incredibile!!!!!!!!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  23. da noi si chiama "rosoline".. ed io le uso molto in cucina, come tutte le erbe spontanee, selvatiche.. un prezioso dono della natura! il pesto però è una grande idea..da fare
    baci

    RispondiElimina
  24. Un premio ben meritato! Interessante e originale il tuo pesto. Sai che non sapevo che si potesse usare il papavero in cucina? E pensare un tempo se ne trovava in giro tantissimo a ogni angolo di strada, adesso invece bisogna cercarlo.

    RispondiElimina
  25. tesoro quando tu parli di erbe io resto piacevolmente incantata, come una bambina a cui viene racconta una favola... non ho mai avuto questo piacere essendo figlia della città.. e quindi sono letteralmente innamorata di questo pesto, e del modo in cui è arrivato in tavola:) grazie:*

    RispondiElimina
  26. mi rtiporti indietro di tanti anni conq uesto piatto a based i papavero, sei formidabile

    RispondiElimina
  27. Sai che mi hai fatto salire ancor più il desiderio di colmare questa lacuna sulle erbe spontanee (una fra le tante che ho aimè). E' veramente interessante l'abilità che mostri nel saperle preparare. ne sono molto affascinata e colpita.
    Sei veramente bravissima.
    Ti abbraccio fortissimo e ti auguro una settimana ricca di bellissime emozioni, Clara

    RispondiElimina
  28. Mi piacciono molto le erbe spontanee e il tuo pesto è veramente delizioso ! complimenti !!

    RispondiElimina
  29. Ma sai che anche qui non si vedono più i papaveri come una volta??? Peccato avrei potuto rifare anche questo pesto che mi ispira assai!!!!
    Brava!!!! Bacioni

    RispondiElimina
  30. Ciao, complimenti per il blog e' bellissimo... :) sono diventata tua follower se ti va di passare da me sei la benvenuta

    RispondiElimina
  31. Hola Artu, hace tiempo que no vengo y me encanta el nuevo look de tu blog, se ve muy limpio, por cierto tengo unas ganas impresionante de prepara pesto, solo una pregunta, ¿ se puede utilizar alabahaca seca o tiene que ser fresca?, besos
    Sofía

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il pesto usa sempre e solo basilico fresco e a crudo. Questo è un pesto cotto di foglie di papavero, un pò particolare!!!

      Elimina
  32. Questo pesto proprio non lo conoscevo. Complimenti poi per i premi cara :-) Buona giornata

    RispondiElimina
  33. particolarissimo questo pesto, devo assolutamente provarlo, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  34. Ti adorooooooooooooo!
    Clo

    RispondiElimina
  35. Questo pesto sembra delizioso. Mi piacerebbe conoscere meglio le erbe spontanee.

    RispondiElimina
  36. non l'ho mai adoperato ma mi piacerebbe molto non vedo l'ora

    RispondiElimina
  37. Hola Artu sería genial, poder conocerte y enseñarte Madrid, para cuando tienes previsto venir, te paso mi mail por si me quieres contestar por ahí,milideasmilproyectos@gmail.com, besos
    Sofía

    RispondiElimina
  38. Che meraviglia :) complimenti cara!

    Antonella.

    RispondiElimina
  39. complimenti sei proprio brava e che dimestichezza hai con le erbe questo piatto dev'essere buonissimo. Bacio
    http://mieleevaniglia.blogspot.it/

    RispondiElimina
  40. Cara, adoro vedere spuntare i primi papaveri, che ci dicono che finalmente la primavera è arrivata!! Non ero a conoscenza di tutti gli utilizzi in cucina, come sempre da te imparo tante cose!! Complimenti per questa deliziosa ricetta e buona serata! :)

    RispondiElimina

Pubblicherò i vostri commenti appena possibile! NON ALLARMATEVI SE NON LI VEDETE...spesso li pubblico una volta alla settimana! GRAZIE!!!!

ATTENZIONE:
Non verranno pubblicati i commenti lasciati da utenti anonimi che non si firmano! grazie per la comprensione.